Guidare in ciabatte, con i tacchi o a piedi nudi è legale? Si, ma…

Quante volte ci siamo chiesti o ci hanno chiesto se fosse legale guidare a piedi nudi, in ciabatte o infradito? E’ una di quelle domande che puntualmente ci poniamo all’arrivo della calda stagione. Come rispondono i vostri amici a questa domanda? Sicuramente nove persone su dieci vi diranno che guidare a piedi nudi o in ciabatte non è legale e in caso di controllo verreste multati. SBAGLIATO! Guidare in ciabatte o a piedi nudi è legale.

Esatto, avete capito bene, mettersi alla guida della propria automobile a piedi nudi, in ciabatte o infradito non si infrange nessuna norma del Codice della Strada. Da quando? Da parecchio tempo, esattamente dal 1993, quando vennero abolite le prescrizioni specifiche sul tipo di scarpa da usare alla guida.

guidare con i tacchi

Detto questo, è confermato che non sarete mai multati se trovati alla guida a piedi nudi o in ciabatte, ma… esatto, c’è un MA. La guida a piedi nudi o con una calzatura non del tutto comoda a garantirvi un totale controllo della pedaliera, in modo particolare nelle automobili con cambio manuale, potrebbe, in caso di incidente, crearvi qualche spiacevole contenzioso con la compagnia assicurativa, ovviamente solo nel caso in cui le forza dell’ordine mettano a verbale che una possibile causa o concausa dell’incidente possa essere legata alle vostre calzature (ciabatte, tacchi, infradito) o all’assenza di una calzatura. L’assicurazione potrebbe contestarvi la guida con un abbigliamento poco responsabile e di conseguenza iniziare il ricorso per non risarcirvi.

Leggi anche > IN VIAGGIO CON IL CANE: CONSIGLI E NORMATIVE

Ricapitoliamo: è possibile guidare a piedi scalzi o in ciabatte, ma in caso d’incidente, il rischio è che la nostra assicurazione non si faccia carico del risarcimento. I motivi che potrebbero portare la compagnia assicurativa ad una possibile rivalsa nei confronti dell’automobilista sono ben spiegati negli articoli 140 e 141 del Codice della Strada, che spiega: “l’automobilista deve tenere un comportamento tale che in ogni caso sia salvaguardata la sicurezza stradale. Il conducente deve essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l’arresto tempestivo del veicolo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile”.

guidare in ciabatte o piedi nudi

I motivi sono semplici da comprendere, in quanto la guida a piedi scalzi o con una calzatura poco comoda, ad esempio una ciabatta che potrebbe scivolare dal pedale, stesso discorso per una scarpa con il tacco, oppure una zeppa che potrebbe andare a finire sotto la pedaliera, sono tutte situazioni che l’assicurazione potrebbe impugnare per contestarvi un “abbigliamento inadeguato”, proprio come riportato negli articoli 140 e 141 del CdS. Con il rischio che l’automobilista si trovi a pagare di tasca propria tutti i danni causati a cose e persone.

Guidare in ciabatte, guidare con i tacchi o a piedi scalzi non è reato, ma limita il controllo dell’automobile, mettendo a rischio la nostra sicurezza e quelle degli altri automobilisti. Siamo sicuri che ne valga la pena?

Leggi anche > TRASPORTO BAMBINI IN AUTO: GUIDA ALL’USO DEL SEGGIOLINO

Autore dell'articolo: Redazione

TuttoSoccorsoStradale.it è il primo portale del web dedicato interamente al mondo dell'automobilista e dei professionisti del settore, un portale di utilità che mette a confronto aziende e provati sulle diverse tematiche legate in modo particolare alla sicurezza stradale.