Trasportare il cane in auto: consigli e normative per un viaggio sicuro

L’estate si avvicina ed arriva il momento di partire per le vacanze: come dimenticare di portare insieme a noi anche i nostri amici animali? Chi parte in macchina, però, è molto spesso pieno di dubbi legati alle leggi in vigore sul trasporto di animali vivi e, in secondo luogo, si domanda come far viaggiare il proprio animale domestico nella massima tranquillità. Ecco tutte le risposte alle vostre domande.

Come prima cosa, per poter viaggiare in compagnia del nostro animale dobbiamo avere ben chiare le regole del codice della strada: l’articolo 169 del suddetto codice, al comma 6, sancisce che è assolutamente vietato viaggiare con più di un animale in auto oppure in condizioni che possano impedire la guida sicura (ad esempio se l’animale non è legato né nel trasportino, e dunque può arrivare anche al volante impedendoci la visuale se è di grossa taglia).

normativa trasporto cani in auto

Allo stesso modo, se abbiamo più di un animale domestico, possiamo ovviare al problema custodendoli in un trasportino o kennel, che sarà facile reperire anche nei centri commerciali. Le gabbie vanno posizionate nel vano posteriore a quello di guida, e devono essere separate dalla rete per animali (la stessa, in pratica, utilizzata per i balconi). Se viaggiamo molto spesso possiamo installare in via definitiva tali gabbie, ma come stabilito dallo stesso art. 169, questa installazione può essere effettuata soltanto con il consenso dell’ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C. Chi non rispetta questa legge rischia di perdere un punto dalla patente oppure anche multe molto salate, fino a 311 euro.

Trasportare il cane in auto: il comfort

Per quanto riguarda il comfort che è necessario regalare al nostro animale domestico quando si tratta di viaggiare, sono diverse le precauzioni che dovremo tenere in considerazione. In primo luogo, è frequente che, soprattutto i cani, soffrano di cinetosi e per tale motivo dovremo evitare di dar loro da mangiare prima di salire in macchina, o vomiteranno rendendo poi tutto il viaggio sgradevole; nonostante ciò, portiamo considerevoli quantità d’acqua, soprattutto se il trasporto sarà lungo.

Effettuiamo pause regolari: se l’animale che stiamo trasportando è un gatto, basterà somministrargli dell’acqua e farlo giocare con la cosiddetta cannetta (la ‘canna da pesca’ alla cui estremità è fissato un batuffolo colorato, od un pesciolino finto), che non occupa troppo spazio e fa divertire molto il gatto. Se invece viaggiamo con un cane, dopo avergli fatto la giusta quantità di acqua, prendiamo il guinzaglio, leghiamolo e facciamolo scendere per fare una breve passeggiata nei dintorni.

viaggiare in auto con il cane in sicurezza

Non basta l‘aria condizionata per far sentire il cane o il gatto a proprio agio, ma bisogna tenere i finestrini spalancati, almeno dalla sua parte.

Se l’animale inizia a sbavare, sbadigliare, leccarsi ripetutamente il muso, ma anche a tremare, probabilmente di lì a poco vomiterà. Come accade per le persone, non c’è un modo per evitare di limitare i danni del mal d’auto: guidiamo più lentamente, facciamolo fermare più spesso, e rivolgiamoci al veterinario perché possa somministrare al nostro amico dei farmaci (pur non esistendone di veri e propri per la cinetosi), per lo più rilassanti, prima del viaggio.

Leggi anche > CONOSCERE LE VIPERE PER LA SALVAGUARDIA DEL PROPRIO CANE

Cane agitato in auto, come calmarlo

Ci sono cani abituati a viaggiare in auto che seguono il padrone in ogni suo spostamento e altri che invece non escono mai da quello che è il loro territorio, che sia la casa o il giardino. Ma primo o poi, anche solo per la visita di controllo dal veterinario, abbiamo l’esigenza di dover trasportare in auto il nostro amico a quattro zampe.

Se il cane non è abituato a viaggiare dimostrerà ansia e agitazione durante tutto il tragitto, cosa possiamo fare per tranquillizzarlo? Abbiamo chiesto qualche consiglio a chi con i cani ci lavora e il trasporta tutti i giorni, Daniele Zanardi esperto di cinofilia, titolare di un allevamento di Rhodesian Ridgeback che con i suoi meravigliosi cani gira tutta l’Italia e l’Europa per partecipare alle più importanti esposizioni canine.

Per l’esperto è tutta una questione di abitudine, per il cane non abituato a spostarsi in auto è del tutto normale essere agitato e in una condizione di stress. Se si tratta di un cucciolo e vogliamo abituarlo fin da piccolo è consigliabile fare prendere confidenza con l’automobile, portando al suo interno qualche gioco, e per le prime volte, lasciano l’auto ferma, senza avviarla, poi iniziare in modo graduale con brevi spostamenti, nel giro di poco tempo il nostro cucciolo affronterà il viaggio in auto con la massima tranquillità, anche perchè collegherà l’auto ad un’esperienza positiva: quella di andare in giro con il proprio padrone.

Diversamente se il trasporto del nostro cane è legato esclusivamente alla visita dal veterinario, non possiamo parlare di esperienza positiva, il cane tutte le volte che proveremo a caricarlo in macchina mostrerà ansia e agitazione. Il consiglio è quello di portare in auto un’altra persona, affinché il cane possa distrarsi, un buon accorgimento è quello di procurarsi un trasportino per contenerlo, e se possibile, posizionando il cane in un punto dove possa vedere all’esterno. Nei casi più difficili, dove per il cane presentasse un vero malessere nel viaggiare in auto, possiamo chiedere aiuto al veterinario e intervenire con l’ausilio di qualche farmaco.

Autore dell'articolo: Redazione

TuttoSoccorsoStradale.it è il primo portale del web dedicato interamente al mondo dell'automobilista e dei professionisti del settore, un portale di utilità che mette a confronto aziende e provati sulle diverse tematiche legate in modo particolare alla sicurezza stradale.